tu m’hai provocato e io…

Il titolo prende spunto dal celeberrimo film di Alberto Sordi “Un americano a Roma” dove l’attore, dopo aver assaggiato una schifezza fatta di intrugli vari, decide che un bel piatto di pastasciutta è sempre meglio di qualsiasi altra cosa. Nel mio caso faccio riferimento ad un precedente intervento, in cui spiegavo l’idea che un amico mi ha messo in testa, per dare una rinfrescata al mio blog: cambiare colore ogni mese. Cosa non semplice per me: sia perché non sono un grafico e quindi non riesco ad accostare i colori in maniera corretta, sia perché il mio daltonismo mi impedisce di vedere le cose nel verso giusto. Ma non mi sono scoraggiato, ed ecco il risultato.

Progettare bene per comunicare meglio

Per fortuna il tema di queste pagine, sin dall’inizio, l’ho progettato avendo in mente la sua accessibilità e la flessibilità: la separazione netta tra contenuti e loro presentazione consente, con pochi colpi di mouse, di ottenere un risultato (tecnicamente) valido. Se gli accostamenti cromatici ti sembrano un po’ azzardati, non hai che da dirmelo lasciando un commento qui di seguito. Vedrò di seguire i tuoi consigli come meglio posso.

Dietro le quinte

In breve sono passato da un foglio di stile “monolitico” in cui descrivevo tutti i dettagli estetici, a due fogli separati: il primo elenca la forma e la posizione dei vari tasselli all’interno della pagina, il secondo ne definisce i colori. In questo modo posso semplicemente cambiare quest’ultimo, all’inizio di ogni mese, mantenendo tra l’altro una certa flessibilità per le modifiche che mi verranno in mente in futuro: se decidessi di ridimensionare l’intestazione o di spostare la colonna con i menù da un’altra parte, lavorerò su un solo foglio di stile, non dodici. In fondo se i fogli di stile si dicono “a cascata”, un motivo ci dovrà pur essere, no?

E la sfida continua…

Comunque il mio amico nonché collega, non pago di avermi convinto ad introdurre questa modifica al mio tema, me ne ha suggerita un’altra, anche questa sensata e degna di attenzione. Mi ha detto:

L’idea di dividere il sito in stanze è veramente carina, ma sostanzialmente non la sfrutti a livello grafico; sia che io leggo una ricetta di cucina, o un articolo informatico dall’angolo pc, visivamente non cambia nulla… È un po’ come se tutte le camere della casa fossero arredate uguali, e mi accorgessi che una è la cucina e l’altro è il salotto soltanto da una targhetta attaccata alla porta, non mi sembra ragionevole. Sarebbe carino (e qui ha sfoderato un sorrisetto malizioso, nda) se il ragazzo in cima cambiasse a seconda della stanza: ad esempio con un cappello da cuoco in cucina, con un divano nel salotto o con un libro in biblioteca. 

11
Lascia una recensione

Please Login to comment
5 Comment authors
camuagbcamusupervaleP|xeL Recent comment authors
  Subscribe  
piรน nuovi piรน vecchi piรน votati
Notificami
Matteo
Ospite
Matteo

Diciamo che lo sfondo non mi convince, preferivo quello di prima che mi sembrava nettamente migliore per gli occhi, questo li affatica troppo (almeno, i miei occhi!).

P|xeL
Ospite

No… a me non affatica, ma non mi affascina particolarmente.
Chissà, ogni tanto mi immagino che mondo diverso debba essere quello dei daltonici. Avete una fortuna in più: il mondo ha colori diversi da quelli del resto della società. ๐Ÿ˜‰
Ciao,
P|xeL

PS: per quell’idea di riprendere il meteo… rispondo qui: potresti mettere in cache, al primo aggiornamento giornaliero, i dati del nuovo clima… ๐Ÿ˜‰

supervale
Ospite

Lo trovo carino… non amo molto il rosa mi piace il contrasto con il rosso della testata.
Anche io mi sono messa a studiare i CSS… Sono un bel mondo, spero di capirci un po’ di più che al momento mi sfugge ancora qualche piiiiccolo concetto!
L’idea di “arredare” le stanze con l’omino in alto è bellissima! Con un mestolo un mano… un rotolo di carta igienica… un telecomando…

p.s OT: Pechè non appare il mio Gravatar?? ๐Ÿ™

supervale
Ospite

Ah che cozza!! Avevo creato l’immaginetta ma non associata ๐Ÿ™ Altro che CSS qui devo partire dall’ABC! Grazie comunque…
Ma non l’hai disegnato tu l’ometto attuale??!

agb
Ospite
agb

L’idea del tuo amico di personalizzare un po’ le stanze non è male! Ma neanche la tua di cambiare colore ogni mese. ๐Ÿ˜‰
Invece ho una domanda: belli i Gravatar, ma ogni volta che provo ad aprire il link che manda a site.gravatar.com mi compare la pagina di errore 503 che mi dice Service Temporarily Unavailable; ti sembra normale?

agb
Ospite
agb

Visto che ti avevo esposto il mio problema con i gravatar e che questo è l’unico blog su cui scrivo che li usa, ti aggiorno: sono riuscita ad aprire la pagina del sito dei gravatar! ๐Ÿ™‚ Chissà se funzioneranno?!

trackback

[…] Seguendo i consigli del mio collega, ho fatto contestualizzare il personaggio in base alle stanze: uno con il berretto da cuoco per la cucina, uno con la ramazza per il ripostiglio, uno con la cuffia per l’angolo del computer. In questo modo, oltre che semanticamente, è possibile associare anche a colpo d’occhio un articolo alla sua stanza. L’aggiunta di uno scorcio della stanza stessa completerà l’opera a breve. Sono veramente soddisfatto del risultato finale, e buona parte del merito va sicuramente ad RX che ha mostrato la pazienza di ascoltare tutte le mie richieste, e la bravura di tradurle… Leggi il resto »