playa de las teresitas

Se hai deciso di fuggire dal freddo, dalla pioggia e dall’inverno italico, sicuramente le Isole Canarie possono essere una meta azzeccata dove trascorrere un paio di settimane di assoluto riposo e divertimento. Visto che la moglie ed io siamo stati un mesetto fa a Tenerife, abbiamo deciso di appuntare su queste pagine qualche consiglio “ai naviganti” per godersi al meglio la vacanza. Partendo dalle basi: noleggia un’auto, così potrai gironzolare in tutta libertà senza dipendere da navette o altro. Con Autoreisen abbiamo noleggiato una Seat Ibiza per 8 giorni a poco più di 100 euro: stai comunque attento a non farti rifilare un rottame, e che il serbatoio sia pieno.

la spiaggia bianca al nord dell'isola

Vitto e alloggio gratis 

Gli alberghi migliori di Tenerife sono al sud, a circa 70 chilometri dall’aeroporto Nord Los Rodeos, con l’autostrada gratuita ci vogliono circa 50 minuti per arrivare. La segnaletica è chiara, ma se hai un navigatore satellitare è meglio. Se vuoi, posso farti soggiornare gratis in una struttura residence, grazie ad una promozione alla quale abbiamo aderito durante il nostro soggiorno, contattami per i dettagli. Se vuoi iniziare ad approfondire la cosa per conto tuo, puoi visitare il sito della Regency.

Cosa vedere

L’isola è abbastanza grande da offrire molte mete diverse in grado di soddisfare varie esigenze. Ma se vai, non perderti:

  • le piscine Martianez, sulla costa nord dell’isola: un insieme di piscine costruite a ridosso del mare, spettacolari per la loro forma ed inserite in un panorama incantevole
  • la cima del vulcano Teide, ad un’ora di macchina dalla costa sud: arrivando alla funivia, potresti avere la sorpresa di trovarla chiusa per il vento forte, quindi telefona prima di partire ed informati, se vuoi arrivare fin sopra la vetta
  • la playa de Las Teresitas (vedi foto qui sopra), una spiaggia di sabbia bianca finissima, portata appositamente dal Sahara fin sulle coste dell’isola, che essendo di origine vulcanica, offre soltanto coste nere
  • il paesino di Los Abrigos, dove alcuni ristoranti tipici offrono paella e piatti a base di pesce a prezzi davvero convenienti
  • la spettacolare costa de Los Gigantes e le immense piantagioni di banani, di cui l’isola e l’arcipelago in generale sono tra i più grandi produttori

Trucchi e suggerimenti

  • cerca di “rigare dritto” mentre ti trovi in giro, ci è stato raccontato da diverse persone che la polizia locale non è particolarmente incline a tollerare disordini o infrazioni alla legge: mantieni i limiti di velocità, non fare schiamazzi notturni (a meno che tu non sia alla playa del Las Americas) e se ti fermano, mostra un atteggiamento collaborativo
  • se vuoi mangiare fuori casa, i paesini sulla costa sud offrono prezzi bassi e buona qualità del cibo, non fermarti quindi alle grandi città ed alle catene di cibo “preconfezionato”
  • sempre a proposito di cibo, le tapas non sono una vera e propria pietanza, quanto piuttosto degli stuzzichini paragonabili ai nostri aperitivi; certo non abbastanza per un pranzo o una cena completa
  • la benzina costa poco, circa la metà di quanto siamo abituati a pagarla qui in Italia, un motivo in più per noleggiare un’auto e girare tutta l’isola: noi abbiamo percorso circa 900 chilometri in 8 giorni, facendo di fatto il giro completo

3
Lascia una recensione

Please Login to comment
2 Comment authors
MichelecamuTrapanator Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Trapanator
Ospite
Trapanator

manca “la cartolina alla propria Capa: senza prezzo.” 😀

trackback

[…] scorso, come ho già avuto modo di ricordare, la moglie ed io ci siamo concessi una (meritata) vacanza al caldo dei mari tropicali, dalle parti […]

Michele
Ospite
Michele

Il lago Martianez e freddo , vero?